Archivi categoria: ZigZa-dì

La rubrica del Lunedì

ZigZa-dì

In questo weekend quanti vostri amici vi hanno dato buca per uscire perchè andavano al cinema? Per forza al cinema c’era un gran cazzuto a sfondare i maomettani e i vostri amici sono tutti leghisti!

Annunci

ZigZa-dì

La cartina che vedete è la stessa comparsa sul blog del buon beppe, insieme  a questa acutissima riflessione: “Per far funzionare l’Italia è necessario decentralizzare poteri e funzioni a livello di macroregioni, recuperando l’identità di Stati millenari, come la Repubblica di Venezia o il Regno delle due Sicilie.”

IL m5s è sostenuto da persone che chiedono giustamente un cambiamento. Ma un cambiamento è una scelta, presuppone una posizione e scontenta qualcuno per favorire altri. L’intera politica italiana è configurata verso il populismo per ottenere il consenso, senza prendere nessuna direzione. Grillo può pretendere di non essere chiamato  capo di un partito ma il m5s fa anch’esso parte del conservatorismo italiano che da sempre si configura in modo gattopardesco, ricco di slogan e finti provvedimenti per accontentare la pancia degli elettori senza migliorare niente. E ricordiamo qui che l’ultimo e degno erede del gattopardo è Matteo Renzi.

Valadrego

 Zigza-dì

Governo RenziEcco a voi la squadra ministri del nuovo governo Renzi. Subito si nota, considerato Ranma una donna, come ci sia quasi la parità tra i sessi. Il premier:”Sul piano economico vi sono figure di esperienza e astuzia che sapranno difendere le nostre esigenze al cospetto dell’Europa. Sulle vicende giudiziare il ruolo di Atena è di piena garanzia. La sicurezza dello stato è garantita dalla cometa rossa Char e dai neurotrasmettitori impazziti inviati dal ministero dell’interno. In tivù dalle ore 14 alle 17 seguite le riforme sociali e del lavoro; conduce Barbara D’urso ospite il ministo della cutura voluto dal popolo Andrea Diprè.Nella scelta dei ministri di sanità e istruzioni si è rimasti nel solco della tradizione : smantellare per far divorziare e poi ri-innamorare per far rifare in grande. Direttamente dall’Ilva                                                          di Taranto il nuovo ministro dell’ambiente Mr Burns. Sarà                                                            tosta ma ce la faremo, qualcuno ha visto Carmen                                                                          Sandiego?”